lunedì 11 gennaio 2016

Vetro mercurizzato


Sono finite le feste, gli addobbi sono stati rimossi con l'albero, riposto in cantina insieme a palline e presepi.
Io personalmente conservo ancora il centrotavola, che pare sopravvivere nonostante sia costituito da un rametto reciso, bacche e sale in un vasetto per marmellata.

Esiste una tipologia di oggetto che resiste a feste di tutto l'anno e che potete tranquillamente esporre nonostante Natale sia passato.
Si tratta dei vetri mercurizzati, con o senza effetto vintage.



Questi oggetti, nonostante alcuni siano legati al mondo del passato, sono freddi ma ricchi di attrattiva,
adatti a stili ultra moderni e grandi classici. Sono dei pezzi che dicono molto anche soli...si lasciano ammirare.



A meno che non si possiedano già, questi oggetti in versione antica, sono reperibili presso negozietti di antiquariato, mercatini vintage o negozi specializzati. Potete tranquillamente trovarne di nuovi però, molto più economici e fatti industrialmente.


Se preferite invece trasformare i vostri vetri trasparenti in pezzi unici e particolari, potete farlo voi personalmente, la tecnica è semplicissima.

L'occorrente:
- calici, vasi, barattoli in vetro o cristallo.
- bomboletta spray mirror effect (effetto specchio). Nel caso può andare benissimo quella effetto cromo oppure in assenza di queste, la bomboletta color argento.
- un erogatore a spruzzo: vanno benissimo quelli che contengono i prodotti come sgrassatori o multiuso. Si possono trovare al mercato anche gli spruzzini che si usano per stirare, quelli sono perfetti.
- aceto.
- scottex o simili per tamponare.

1) Consiglio di eseguire la procedura in uno spazio aperto o un interno protetto da telo plastificato, per evitare di sporcare con la vernice spray.
2) Puliamo bene i vetri che vogliamo usare, a scelta esternamente o internamente. Consiglio di farlo esternamente al contenitore per poter utilizzare senza limiti l'interno quindi a contatto con acqua o fuoco ecc..
3) Versiamo nel nostro spruzzatore di plastica la stessa quantità di aceto e di acqua, agitare la confezione a versamento completato.
4) Spruzziamo con il nostro erogatore il vetro nebulizzando il più possibile, cercando quindi di tenere ad una certa distanza il getto rispetto al vetro(30/35 cm). Quello che conta è evitare che si depositino sulla superficie delle gocce grosse, compromettendone l'effetto finale.
5) Con la stessa cautela subito dopo, a piccole spruzzate, eroghiamo la vernice sulla superficie dell'oggetto: dovremmo notare la formazione di una patina argentata con delle goccioline rigonfie sottostanti.
6) Dopo 2/3 minuti, con dello scottex o della carta tamponare delicatamente.
7) Ripetere le azioni 4,5,6 appena citate fino ad ottenere l'effetto (+ o - comprente) desiderato.
8) Lasciare asciugare qualche ora.

Ho trovato per voi il tutorial, è in inglese (USA) ma comprensibile. Per visualizzarlo clicca QUI.




Piccola curiosità...Edward Varnish nel 1850 decorò, con i sistemi di un tempo e quindi con la foglia d'argento, un calice per la Regina Vittoria.
Il calice è esposto nella residenza estiva Osborne House, sull'Isola di Wight.

Orborne House, York Avenue, East Cowels, Isle of Wight, P032 6JX.
Posta un commento
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...